Rialto    IdT

461.193

 

   

Anonimo

 

 

 

 

   

Per zo no·m voill desconortar,

   

car gran ren ai de compagnos,

   

a cui es faiz de gran[s] honors,

   

q’ancor li cuida[n] meritar,

5  

segon q’ieu cuit [q]e chascuns sapza,

   

anz qe lo segle se desfacza.

   

Doncs, qi blasm’ autrui malamenz,

   

de si deu esser conoisenz,

   

de zo q’om li pod reprozar.

 

 

3 gran[s]] gran    4 q’ancor] qan cor; cuida[n]] cuida    5 [q]e] e    7 blasm’ autrui] blasma autrui

 

 

 

Testo: Giorgio Barachini, Rialto 28.ix.2018.


Ms.: P 63v (adespoto e unito a Va, cobla, al Iuge de Galur, BdT 461.246).

Edizioni critiche: Vincenzo De Bartholomaeis, Poesie provenzali storiche relative all’Italia, 2 voll., Roma 1931, vol. II, p. 302 (insieme a Ges al meu grat non sui ioglar, BdT 461.126 e Va, cobla, al Iuge de Galur, BdT 461.246); Antonio Petrossi, Le “coblas esparsas” occitane anonime. Studio ed edizione dei testi, Tesi di dottorato, Università degli Studi di Napoli Federico II, 2009, p. 241.

Metrica: a8 b8 b8 a8 c8 c8 d8 d8 a8 (Frank 578:9). Cobla di otto versi. Rime: -ar, -ós (-órs), -acza (= acha), -enz. Lo schema metrico è presente in altri tre componimenti: la cobla di Uc de Saint Circ Vescoms, mais d’un mes ai estat (BdT 457.44) a cui risponde quella di un Vescomte N’Ugo, ja no m’en sabretz grat (privo di BdT), il partimen di Elias e Gui d’Ussel En Gui, digaz al vostre grat (BdT 136.1a = BdT 194.4) e il partimen tra Alberjat e Gaudi, Gaudi, de donzella m’agrat (BdT 12b.1 = BdT 170.1). Tutti questi testi presentano le stesse rime (-at, -on, -ana, -ens), parzialmente coincidenti (-ens) o comunque confrontabili (-at > -ar, -on > -ós, -ana > -acha) con quelle dell’anonimo. Il componimento più antico è quello di Elias e Gui d’Ussel.

Note: La cobla non presenta elementi di datazione. Essa è, tuttavia, seguita nel ms. dai quattro versi di Va, cobla, al Iuge de Galur (BdT 461.246), che funge da tornada, benché non abbia le caratteristiche formali per essere tale. Ciò suggerisce, in ogni caso, di riportare i due testi al medesimo ambiente, che è quello gravitante attorno al Giudice di Gallura, Nino Visconti, tra il 1275 e il 1296: cfr. Circostanze storiche. La strofa presenta alcune imperfezioni, tra le quali almeno una sembra un palese italianismo (li al v. 4).

[GB]


BdT    Anonimi    IdT

Traduzione e note    Circostanze storiche