Edizione critica

An (? Tribolet), U[s] fotaires qe no fo amoros (BdT 461.241)

 

 

 

 

Metrica: a10 b10’ a10 b10’ / b10’ c6’ / x8 x8 c6’ (a = -ós, b = -ia, c = -ama, x = -iu). Frank 344:3 (ma cfr. Scheda metrica).

 

 

I.

U[s] fotaires qe no fo amoros

de neguna, mais qe foter volria,

esta toz iurns areiz e voluntos

de fotre celes qe fotre poria;

5

tal voluntat a de fotre tot dia

q’En Esfotanz se clama.

Fotaire las, dolens, çaitiu,

R

e di‹s› qe mal mor e peiz viu
qi no fot le qi ama.

II.
 10 Lo fotaire es tant de fotre angoxos:
com plu fort fot, mor fotant de felnia
qe plu no fot, q’el fotria per dos
de fotedors miior de Lombardia;
q’en fotant dis: «‹G›ariz so se fotria!»,
15 e N’Esfotanz se clama.
Fotaire las, dolens, çaitiu,

R'

e dis qi no fot qe mal viu
noit e çorn le qe ama.

 

Ms.: 8 dit    14 qariz

Appel 1898: 1 U    2 que    6 Es-fotanz    15 en

 

 

[i. Un fottitore che non era innamorato / di nessuna, ma che vorrebbe fottere, / sta sempre eretto e voglioso / di fottere quelle che potrebbe fottere. / Ha una tale voglia di fottere tutto il giorno / che viene chiamato En Esfotanz. / r. Fottitore stanco, dolente, infelice, / dice che muore malamente e peggio vive / chi non fotte quella che ama. // ii. Il fottitore è molto angosciato di fottere: / quanto più fortemente fotte, muore mentre fotte di rimpianto / che (an­cora di) più non fotta, ché fotterebbe il doppio / dei migliori fottitori di Lombardia. / E fottendo dice: «Guarirei se fottessi!», / e N’Esfotanz viene chiamato. / r'. Fottitore stanco, do­lente, infelice, / dice che vive male chi non fotte / notte e giorno quella che ama.]