461.57

 

Anonimi

 

 

 

 

[De] bona domna voill

q’aia crebat un oill;

e s’el’es bel’e pros,

4

aia crebat ambtos.

E qand va a cacar

s’i men un bacalar

qe port un veit de mul

8

ab qe·s forbisca·l cul.

 

 

 

Ed. Francesco Carapezza, Rialto 19.xii.2001. – A stampa: «Una cobla oscena di G (BdT 461.57) e il suo modello ritrovato», Rivista di Studi testuali 3, 2001, in corso di pubblicazione.


Ms.: G (130v).

Edizione diplomatica: Giulio Bertoni, Il canzoniere provenzale della Riccardiana n° 2909, Dresden 1905, p. xlv, n. 1; id., Il canzoniere provenzale della Biblioteca Ambrosiana R. 71 sup., Dresden 1912, p. 437.

Edizione critica: Adolf Kolsen, «Zwei provenzalische partimen und zwei coblas», Studi medievali, n. s., 12, 1939, pp. 183-191, a p. 189.

Altra edizione: I trovatori licenziosi, a c. di Giuseppe E. Sansone, Milano 1992, pp. 102-103.

Metrica: a6 a6 b6 b6 c6 c6 d6 d6 (Frank 168:9, unicum).

Nota: contrafactum.

[FC]


Premessa    Edizione diplomatica    Edizione critica    Modello di contraffattura    Sinossi

BdT    Anonimi