Rialto

154.2a = 248.38

 

   

Folquet de Lunel  ·  Guiraut Riquier

 

 

 

 

    Guirautz, pos em ab senhor cui agensa   Guiraut, poiché stiamo con un signore cui aggradano gioia e diletto, e al quale piace che tra noi si discuta, rispondetemi secondo il vostro intendimento. Di un cavaliere che lungo tempo ha amato una dama che gli è sicuramente piaciuta più di ogni altra cosa, tanto da farla giacere con sé in totale abbandono: di che cosa ha dovuto avere maggior piacere, di quando le si coricò accanto o di quando si è rialzato?
    joi e solatz, e·l plai que fassam tensa,  
    respondetz mi segon vostra entensa.  
4   D’un cavaier c’amet lonja sazo  
    dona que·l plac mais que res, ses falhensa,  
    tan que·l colquet ab si tot a bando,  
    de cal dec aver mai bona sabensa,  
8   cant s’i colquet o cant levatz en fo?  
         
    Folquetz, qui a razon e conoissensa   Folquet, chi possiede ragione e conoscenza sa che il piacere è maggiore all’inizio, perché è consapevole che il giacersi gradevolmente deve essere dilettevole al cavaliere e non certo il levarsi, se amore e tenerezza ve lo hanno condotto; anzi si è macchiato di grave colpa se ha avuto piacere nel levarsi, perché ha mostrato che teneva il giacersi come una costrizione.
    sap que plazers es mager en prezensa,  
    per que conois que·l colcars de plazensa  
12   dec bo saber al cavaier, e no  
    ges lo levars, s’amors ni bevolensa  
    lo·i amenet; ans fetz gran falhizo  
    si del levar ac plazer, car parvensa  
16   fes que·l jazers se tengues a prezo.  
         
    Mal avetz pres, Guirautz, al mieu vejaire,   A mio avviso, Guiraut, in questo partimen avete assunto la tesi sbagliata: come potete ritenere che debba piacere di più ciò è ancora da fare e non il momento in cui si è già realizzato il proprio dolce desiderio? Vale di più il fine joi quando è stato preso a tutto agio da colei che si vuole più di ogni altra cosa possedere, di quanto non sia cosa da cui non ci si può separare: per ciò il levarsi deve essere più gradito all’amante.
    d’est partimen: cossi pogues retraire  
    que mais deia plazer so qu’es a faire  
20   que cant hom a complit son dos dezir?  
    mai val fis jois cant es pres a gran aire  
    de so c’om vol mai que res possezir,  
    que no fai sel de c’om no·s pot estraire:  
24   per que·l levar dec mai l’amans grazir.  
         
    D’aquel plazer sos espers fa maltraire,   L’attesa di quel piacere fa soffrire, e il goderne è gioia di cui non se ne conosce affatto una più grande; ma quando lo si è goduto nessuno può richiamarlo ragionevolmente se non nel ricordo, Folquet; e voi non sembrate un fine amatore quando chiedete che l’amante si rallegri del levarsi, che al contrario dovette essergli più penoso della morte del padre: argomentate male e peggio avete saputo proporre l’alternativa.
    e·l penr’es gaug c’om maior no·n sap gaire;  
    mas pus es pres nulhs homs no·l pot atraire  
28   ab bon saber mas cant del sovenir,  
    Folquetz; e vos no semblatz fis amaire  
    cant del levar mandatz l’amans jauzir  
    que·l dec esser pus greu que mortz de paire:  
32   mal razonatz, e pieitz saupes partir.  
         
    Guirautz, vers es que sofre malanansa   Guiraut, la verità è che patisce tormento colui che è in attesa di joi finché non ne gode senza incertezze, per cui fu nel levarsi che si dovette rallegrare il cavaliere, più di quando la sua dama lo ebbe fatto coricare accanto a sé; ed ha migliore aspetto chi con lei abbia compiutamente gustato il proprio piacere di quando vi si è disteso, ed avete sconsideratamente preso e scelto [la vostra tesi], sicché vi si ritiene ingenuo.
    sel c’aten joi tro que·l pren ses duptansa,  
    per c’al levar dec aver alegransa  
36   lo cavaiers, mais que cant l’ac colcat  
    sidons ab si; et es mielhs de semblansa  
    c’ap lieis agues son plazer acabat  
    que can s’i mes, et aves ses esmansa  
40   pres e cauzit, si c’om vo·n te per fat.  
         
    Endreg d’amor razonatz gran erransa,   Difendete un grande errore, Folquet, riguardo all’amore, e da ciò appare che esso non vi ha mai tenuto in sospeso; poiché il joi d’amore non ha nessuna compiutezza né si può ritenerlo concluso per nessun motivo se non per malavoglia; ma se il vostro insulso ragionare si diffonde, la dama non deve più appagare l’amante, poiché, in verità, l’amante dovette soffrire un gran patimento dal giacere, se gli piacque il levarsi.
    Folquetz, don par c’anc no·us tenc en balansa:  
    car jois d’amors non a nulh’acabansa  
44   ni·s pot complir per ren mas per desgrat;  
    mas si·l vostre pec razonars s’avansa,  
    dona non deu far mais aman paguat,  
    car l’amans dec de colcar gran pezansa  
48   aver, si·l plac lo levar, per vertat.  
         
    Per lo comte de Cumenge, qu’enansa   Dal conte di Cumenge, che valore cortese eleva, voglio che sia emesso il verdetto, Guiraut, poiché egli ha saputo che cosa era l’amore leale: ma temo che se ne sia dimenticato!
    fina valor, vuelh que sia jutjat,  
    Guirautz, qu’el saup que fon lial amansa:  
52   mas paor ai que·l sia oblidat!  
         
    Folquetz, no·m fai lo jutjamen doptansa,   Folquet, il giudizio non mi fa paura, giacché io difendo la verità, e che sia provato, poiché il conte ricorda perfettamente tutto quel che sapeva e non dirà null’altro che la verità.
    qu’ieu razoni ver e sia proat,  
    qu’el coms a de tot cant saup membransa  
56   e non dira per ren mas la vertat.  

 

 

 

 

 

 

Testo: Giuseppe Tavani, Folquet de Lunel, Le poesie e il Romanzo della vita Mondana, Alessandria 2004, p. 88. – Rialto 26.xii.2007.


Traduzione

BdT    Folquet de Lunel    Guiraut Riquier