Rialto    IdT

156.3

 

   

Falquet de Romans

 

 

 

 

   

I.

   

Cantar vuoill amorosamen

   

situt no vei fuogllia ni flor,

   

ce freç no.m fai ni gel[s] paur,

4  

tant ai lo cor gai e gausen,

   

c’autressi·m plai alegrarss

   

d’ivern com d’estiu e cant[a]rs,

   

puois per servidor mi rete

8  

tals c’e[s] conplida de tut be.

   

 

   

II.

   

Anc dompna non vic tan plaisen

   

ni ab tan entera valor

   

et ab plus natural color

12  

ce rosa ni flor d’angilen,

   

bella bocha, bels uogltç e nars

   

estaili et tant gien parlars

   

c’a nuls tenp[s no] vos dira re

16  

mas onors e plasers e be.

   

 

   

III.

   

E sapciatç c’anc plus coralmen

   

non amet Floris Blanciflor

   

c’ieu am lieis, ce·m vel e.m socor.

20  

E no·i son privatç d’avoll gen:

   

gia mi no plai aprivasars

   

ab croi, no[.m plai] trop consigliars

   

ab lausengier, car ci los cre

24  

pro fai de mall e pauc de be.

   

 

   

IV.

   

Ogonet portam per [p]resent

   

ma canson a l’emperador,

   

c’el sap ben triar lo megllior,

28  

tant a de valor e de sen;

   

et par ben al[s] sieu[s] rics afars

   

s’el es pros c’anc no fo sos pars:

   

c’om plus o retra qi en ve,

32  

ades i trop [eu] mais de be.

   

 

   

V.

   

E[m]peraire, bel·segner cars,

   

no cre [que] sia plus franc[s] bars

   

del cont de Caret, que mante

36  

pretç e fai tuç giortç mais [de] be

 

 

2 situt] situtç; flor] flors    3 ce] ci; no·m] no; paur] paurs    7 per servidor] per son servidor    8 tut] tutç    10 valor] ssaiosrs    11 natural] fressca; color] colors    12 flor] frolr    13 nars] bel nas    14 et] om.    15 tenps] tenp    18 Blanciflor] blanciflors    20 soi] sont; gen] gentç    21 aprivasars] aprivasers    22 ab] abm    23 an] niab    26 ma] mas; emperador] eperadors    27 megllior] meglliors    28 valor] valors    31 pul o retra] plus soreter; qi en ve] qelve    33 emperaire] eperaire    36 giorntz] giortz

 

Nota al testo

La canzone-sirventese è trasmessa dal solo ms. T, ed è uno dei quindici unica leggibili nel codice parigino. Non è escluso che sia stata trasmessa da quella fonte di T proveniente dalla Provenza di Raimondo Berengario V messa in luce, con abbondanza di prove, da Giuseppina Brunetti, «Sul canzoniere provenzale T (Parigi, Bibl. Nat. F. fr. 15211)», Cultura Neolatina 50, 1990, pp. 45-73; Ead., «Per la storia del manoscritto provenzale T», Cultura Neolatina 51, 1991, pp. 27-41.

 

 

 

Testo: Gerardo Larghi, Rialto 28.i.2022. 


Ms.: T 183r (Folcett deroman).

Edizioni critiche: Carl Appel, Provenzalische Inedita aus pariser Handschriften, Leipzig 1892, p. 96; Rudolph Zenker, Die Gedichte des Folquet von Romans, Halle 1896, pp. 48-49; Vincenzo de Bartholomaeis, Poesie Provenzali Storiche relative all’Italia, Roma 1931, 2 voll., II, pp. 43-45; Raymond Arveiller, Gérard Gouiran, L’oeuvre poétique de Falquet de Romans, Troubadour, Aix-en-Provence 1987, p. 50.

Metrica: a8 b8 b8 a8 c8 c8 d8 d8 (Frank 577:206). Quattro coblas unissonans di otto versi ottonari e una tornada. Rime: -en, -or, -ars, -e. Ogni strofa è composta da una fronte di rims crozatz, e una sirma di due coppie di versi a rima baciata; la parola rima be torna alla fine di ogni strofa. Lo schema è tra i più diffusi: nel Répertoire di Frank se ne contano oltre trecento esempi. La struttura metrica presenta alcune criticità in particolare in relazione alla lunghezza di taluni stichi, che nel manoscritto presentano ipometrie o, più raramente, ipermetrie. Tali punti critici sono resi ancor più delicati dall’esile tradizione che ci ha tramandato la canzone sirventese. Il penultimo stico di ogni strofa (cf. i vv. 7, 15, 23, 31), infatti, oscilla tra le 9 e le 7 lunghezze. Gli editori precedenti avevano senza eccezioni accettato l’ipotesi di una salomonica misura di tutti ottonari, ed è a questa soluzione che si è ritenuto, in ultima analisi di aderire, nonostante le incertezze di fronte ad interventi di necessità pesanti e, in prospettiva, forse anche arbitrari. — Secondo John H. Marshall, «Imitation of Metrical Form in Peire Cardenal», Romance Philology, 32, 1978-79, pp. 18-48, p. 43, il testo potrebbe essere stato influenzato, o aver influenzato, Non es cortes, ni l’es pretz agradius (BdT 335.39) di Peire Cardenal, dato il comune ricorso alla parola rima be al termine di ogni cobla. Interessante anche il caso della lirica di Trop ben m’estera, si·s tolgues (BdT 124.18) di Daude de Pradas, la quale ha in comune con la nostra, oltre alla struttura metrica, e rime be (Falquet v. 8; Daude v. 8), color (Falquet v. 11; Daude v. 26), ve (Falquet v. 31; Daude v. 31). Assai curioso anche il contatto con l’anonima D’ome fol ni desconoissen (BdT 461.86) che della canzone-sirventese di Falquet conserva tutte le rime. Infine, è da sottolineare il rapporto diretto con la lirica di Guido delle Colonne Gioiosamente canto (PSs II, 4.2), una canzone di cinque stanze singulars di dodici versi con fronte settenaria e sirma dodecasillabica.

Nota: Canzone sirventese nella quale ad una prima parte dedicata, attraverso l’accumulo di metafore e di stilemi topici della lirica occitanica, alla lode di una dama innominata, segue una seconda in cui vengono citati dapprima un imperatore che non può che essere Federico II e poi, nella tornada, si invia il testo al destinatario, il nobile ligure Ottone del Carretto. Si vedano le Circostanza storiche.

 

[GL]


BdT    Falquet de Romans    IdT

Traduzione e note    Circostanze storiche