Rialto

236.11

 

 

 

Guillem de la Tor

 

 

 

 

 

 

Un sirventes farai d’una trista persona,

 

 

qui mal fai e mal ditz e mal met e mal dona

 

 

e mal joga e mal ri e mal parla e pieitz sona

 

 

e plus en far tot mal chascun jorn s’abandona,

5

 

per q’ieu de malvestat vuoill que port la corona.

 

 

Sabetz cum el a nom? Porc Armat de Cremona.

 

 

 

 

 

Grans causa es d’auzir e fera decrezenssa

 

 

tot lo mal q’es en lui e la desconoissenssa,

 

 

don ja no·is partra mais, tant li platz e l’agenssa;

10

 

q’anz volria esser mortz, ses tota retenenssa,

 

 

q’el fezes negun faich d’adreicha conoissenssa,

 

 

mas ab foutz et ab orbs es tota sa guirenssa.

 

 

 

 

 

E feing se mout cortes e mena grand’ufana

 

 

qand el a pro begut, ab una de Breisana

15

 

q’es bella e gaia e pros et a valor certana;

 

 

et ella volria anz, s’il tot de lieis si vana,

 

 

q’el jagues quatorze anz de la febre cartana

 

 

q’ela·il fos si del tot, cum el volria, humana.

 

 

 

 

 

Q’el mon dompna non a c’om deia aver fianssa

20

 

que d’amor li fezes mais negun’esperanssa,

 

 

pois eu l’agues comtat sa fera malananssa,

 

 

sa fera escarsetat, sa fera desonranssa

 

 

ni puois de sos huoils vis sa fera enflada panssa

 

 

ni son fer lechardetz ni sa fera semblanssa.

 

 

 

25

 

Enaissi es valors del tot en lui perduda,

 

 

que de pretz si depart e largueza refuda

 

 

e pren escarsetat per amiga e per druda,

 

 

que s’era mout lonc temps en s’amor entenduda,

 

 

et er a si de lui sa voluntat aguda

30

 

qe, per amor, de lui corna la recrezuda.

 

 

 

 

 

Als crois rics fatz saber q’ant valor decazuda,

 

 

c’ab ma lenga, q’es plus que rasors esmoluda,

 

 

lor farai derenan gerra fort et aguda.

 

 

 

Testo: Negri 2006 (XIV). – Rialto 27.i.2007 (rev. 28.i.08).


Mss.: A 198r, Da 206v.

Edizione diplomatica: Arthur Pakscher e Cesare de Lollis, «Il canzoniere provenzale A (Codice Vaticano 5232)», Studj di filologia romanza, III, 1891, pp. j-xxxij e 1-670, a p. 612.

Edizioni critiche: Antonio Restori, «Per un serventese di Guilhem de la Tor», Rendiconti del R. Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, XXV, 1892, (Copia di Casa Carducci della miscellanea Rime antiche, XII, pp. 1-15); Ferruccio Blasi, Le poesie di Guilhem de la Tor, Genève - Firenze 1934, X, p. 40; Antonella Negri, Le liriche del trovatore Guilhem de la Tor, Soveria Mannelli 2006, p. 179.

Altre edizioni: François Just-Marie Raynouard, Choix de poésies originales des troubadours, 6 voll., Paris 1816-1821, vol. V, p. 274; Vincenzo De Bartholomaeis, Poesie provenzali storiche relative all’Italia, 2 voll., Roma 1931, vol. II, p. 137 (testo Restori); Francesco Ugolini, La poesia provenzale e l'Italia, Modena 1949, p. 89 (testo Blasi); Martín de Riquer, Los trovadores. Historia literaria y textos, 3 voll., Barcelona 1975, vol. II, p. 1174 (testo Blasi).

Metrica: a12’ a12’ a12’ a12’ a12’ a12’ (Frank 3:6). Sirventese di cinque coblas singulars di sei versi e una tornada di tre versi.

Note: La questione attributiva del testo sembra risolversi definitivamente, a seguito delle recenti ricerche di Saverio Guida, «(Andrian de) Palais, trovatore lombardo?», in Studi di Filologia romanza offerti a Valeria Bertolucci Pizzorusso, 2 voll., Pisa 2006, vol. I, pp. 685-721, a favore di un’assegnazione del sirventese a (Andrian de) Palais. Per primo Restori, «Per un serventese», p. 15, attribuiva il testo a Guillem de la Tor in base allo stile, alla fraseggiatura e soprattutto al metro (il testo condivide con la Treva, BdT 236,5a, proprio l’identità dello schema metrico); si allineano a questo giudizio Blasi, Le poesie di Guilhem, p. XIII e Peter Ricketts, «Le troubadour Palais: édition critique, traduction et commentaire», in Studia occitanica in memoriam Paul Remy, 2 voll., Kalamazoo 1986, vol. I, pp. 227-240, a p. 227. Il testo è tradito da due manoscritti, A e Da, le cui rubriche attribuiscono rispettivamente il sirventese a Guillem de la Tor e a Palais; inoltre il manoscritto estense conserva la quasi totalità della produzione di Guillem e la totalità di quella di Palais, mentre il canzoniere vaticano non contiene testi di Palais e ne tramanda solo due di Guillem. È proprio a partire dalla diversa consegna delle rubriche che Paolo Squillacioti, «Due note su Palais», Studi mediolatini e volgari, 38, 1992, pp. 201-207, a p. 207, insistendo sulla maggiore affidabilità di Da, ha ipotizzato una paternità «quanto meno dubbia» e comunque più probabilmente ascrivibile a Palais, mentre Guida, «(Andrian de) Palais», p. 716, non esclude che la discordanza di paternità possa essere effetto di uno «scivolamento, già nelle Gelegenheitssammlungen da cui discendono i codici pervenuti, del testo che ci interessa dal corpus di un trovatore a quello dell’altro». Ma ciò che in definitiva più convince lo studioso è la maggiore credibilità che il codice estense merita, e così dunque la sua rubrica, in termini di reale conoscenza della produzione letteraria di entrambi i trovatori coinvolti nella questione. Ma il fattore decisivo per l’attribuzione del sirventese è relativo all’aspetto storico-documentario e dunque alla possibilità di mettere in relazione l’autore del testo con il personaggio oggetto della feroce invettiva, Porc Armat de Cremona (v. 6) da identificare probabilmente con Ponzio degli Amati di cui si ha notizia dal 1203 al 1237. Il nobile, che apparteneva ad un importante casato cremonese da sempre schierato su posizioni guelfe, era uno dei membri più autorevoli del partito antiimperiale cittadino, eletto come arbitro di controversie dalla consorteria dei Sommi e affidatario di numerosi incarichi di prestigio. In questo contesto, i dati relativi alla biografia di Guillem de la Tor non consentono di rilevare relazioni con il nobile cremonese né di giustificare i toni del violento vituperio; al contrario, numerosi e fondati sono i legami di Andrian de Palais con la realtà cremonese nell’arco di tempo per il quale abbiamo notizie su Ponzio degli Amati. Infatti il trovatore, legato allo schieramento filoimperiale, aveva buoni motivi personali e di parte per contrapporsi al guelfo Ponzio degli Amati e recenti ricerche d’archivio hanno dimostrato che i due dovessero conoscersi in quanto entrambi risultano coinvolti e menzionati insieme in un patto datato luglio 1228 tra Cremonesi e Parmigiani contro i Piacentini. (Guida, «(Andrian de) Palais», p. 718).

[AN, sr]


BdT    Guillem de la Tor