Rialto

242.64

 

Giraut de Borneil

 

 

 

 

Reis glorios, verays lums e clardatz, Re glorioso, vera luce e splendore, Dio poderoso, signore, se a voi piace, al mio compagno siate di fedele aiuto, perché non l’ho visto da che è arrivata la notte, e presto sarà l’alba.

Dieus poderos, senher, si a vos plaz, 

al mieu companh siatz fizels aiuda,

qu’ieu non lo vi, pos la nuechs fon venguda,

5

et ades sera l’alba!

 

 

Bel companho, si dormetz o velhatz? Bel compagno, dormite o vegliate? Qualsiasi cosa facciate, alzatevi in piedi, perché a oriente vedo che si è levata la stella che porta il giorno: l’ho ben riconosciuta, e presto sarà l’alba.

Cal que fazatz, en estans vos levatz,

qu’en orient vey l’estela creguda

qu’amena·l jorn, qu’ieu l’ai ben conoguda,
10   et ades sera l’alba!   

 

Bel companho, en chantan vos apel: Bel compagno, io vi chiamo cantando; non dormite più, perché odo cantare l’uccello che va cercando il giorno nella boscaglia, e ho paura che il geloso vi assalga, e presto sarà l’alba.
 

non dormatz plus, qu’ieu aug chantar l’auzel

que vai queren lo jorn per lo boscatge,

et ai paor que·l gilos vos assatge,

15

et ades sera l’alba!

 

Bel companho, yssetz al fenestrel Bel compagno, affacciatevi alla finestra e guardate i segni del cielo: capirete se vi sono fedele messaggero. Se non lo fate, sarà vostro il danno, e presto sarà l’alba.

e regardatz las ensenhas del cel:

 

conoisseretz s’ie·us sui fizels messatge;

se non o faitz, vostres n’er lo dampnatge,

20

et ades sera l’alba!

 

Bel companho, pos mi parti de vos, Bel compagno, da quando vi ho lasciato non ho dormito e non mi sono mosso dallo stare in ginocchio, anzi ho pregato Dio, il figlio di Santa Maria, che mi restituisse voi come leale compagnia, e presto sarà l’alba.

hieu non dormi ni·m moc de ginolhos,

ans preguiei Dieu, lo filh Sancta Maria,

 

que·us mi rendes per leyal companhia,

25

et ades sera l’alba!

 

Bel companho, la foras als peiros Bel compagno, lì fuori sui gradini mi pregavate di non appisolarmi e che anzi vegliassi tutta la notte fino al giorno. Ora non vi piace il mio canto né la mia compagnia, e presto sarà l’alba.

mi preyavatz qu’ieu no fos dormilhos,

enans velhes tota nuech tro al dia;

ara no·us platz mos chans ni ma paria,

30

et ades sera l’alba!

 

 

 

Testo: Costanzo Di Girolamo, «L’angelo dell’alba. Una rilettura di Reis glorios», Cultura neolatina, 69, 2009, pp. 59-90, a p. 68.

Traduzione di Costanzo Di Girolamo. – Rialto 10.xi.2009.


Testo

BdT    Giraut de Borneil